Diario livornese. Ultimo periodo della rivoluzione del 1849

90,00

MARTINI, PIETRO

COD: 10354 Categoria: Tag:

Descrizione

Livorno: Tipografia della Gazzetta Livornese, 1892. 468 pagine. 19×14 cm. Rilegatura coeva muta in mezza tela. Bruniture. Alcuni marginali strappetti alle pagine 95-96, dovuti probabilmente a un visio editoriale (v. foto). Fessura tra il ritratto dell’Autore in antiporta e il frontespizio (v. foto). Piccolissimo e del tutto ininfluente percorso di tarlo che interessa il contropiatto posteriore e il margine interno delle ultime due carte. Un marginale forellino su antiporta e frontespizio. Alcuni ritratti nel testo. [M119] Volume di assoluta rarita’. Il livornese Pietro Martini (1820-1911), artigiano di fede repubblicana, nel maggio del 1849 fu tra i protagonisti della resistenza della propria citta’ all’invasione austriaca che determino’ la caduta del Governo provvisorio toscano guidato da Giuseppe Montanelli, Francesco Domenico Guerrazzi e Giuseppe Mazzoni, fornendo una testimonianza diretta degli eventi che caratterizzarono la Toscana tra il febbraio e il maggio di quell’anno. Risalente agli anni Ottanta dell’Ottocento, il diario del Martini fu pubblicato in maniera parziale nel 1891 sul ‘Telegrafo di Livorno’ a cura del direttore Giuseppe Bandi, autore della prefazione alla presente edizione integrale. La ricostruzione storica fornita da Martini e’ considerata ancora oggi la piu’ completa e attendibile tra le cronache di quei luttuosi eventi. Il volume contiene l’elenco dei caduti e dei feriti e quello degli insigniti della medaglia commemorativa istituita dal comune di Livorno il 26 marzo 1884.

Informazioni aggiuntive

Peso350 g